Home

Consulente SEO Milano Trento – consulenza SEO posizionamento motori di ricerca – SEO Specialist Riccardo Tempo

“SEO: il modo più efficace per farsi conoscere dal pubblico del web”

Il SEO (Search Engine Optimization) rappresenta una pietra miliare nel mondo del web in questa fase legata alla comunicazione multimediale e serve a farci conoscere da chi già non ci conosca. Un esperto SEO (o SEO Specialist) deve riuscire a posizionare un sito web nel migliore dei modi sui diversi motori di ricerca (Google in primis per il mercato dell’Italia), in maniera che dalle varie pagine online giunga il più alto numero possibile di conversioni.

Che cos’è una conversione?

ESEMPIO: Una conversione avviene quando un utente prenota la propria vacanza dopo essere atterrato sulla pagina di un hotel, trovata dopo avere digitato una determinata parola (keyword o parola chiave) su Google o qualunque altro motore di ricerca. In parole povere, rappresenta la conversione di un semplice testo in guadagno.

Google Analytics è uno strumento fondamentale per qualsiasi SEO Specialist

Un consulente SEO deve dunque conoscere dettagliatamente l’algoritmo di Google e, in caso di esperienza di lavoro anche su altri mercati internazionali, pure di Baidu (il motore più usato in Cina), Bing, Yandex (Russia) … e saperne prevedere i futuri sviluppi. Ma, oltre a queste competenze tecniche, deve pure possedere importanti basi di web marketing e qualsiasi altro settore utile a ottimizzare un sito web, che sia di una grande azienda, di una piccola realtà o di un semplice privato.

Scopri qui le mie recensioni.

SEO 2020: come realizzare un sito web?

Partiamo innanzitutto dalla base, ovvero su qualche consiglio legato alla realizzazione di un sito web. Escluso magari chi desideri grafiche avanzatissime e che quindi punti moltissimo proprio sull’aspetto grafico (penso per esempio a un team di architetti, ingegneri, designer…), io consiglio sempre di fare il proprio portale attraverso la piattaforma WordPress, ovvero la stessa su cui è stato creato questo sito.

Quali sono i vantaggi di un sito WordPress?

Innanzitutto un sito WordPress può essere realizzato da chiunque abbia un po’ di dimestichezza nel mestiere e, in base alla tariffa di prezzo selezionata, avrete un determinato numero di opzioni legate alla scelta dei template (temi grafici) e soprattutto più potenzialità di ottenere un buon posizionamento. Rivolgendovi a professionisti del settore, potrete avere comunque grafiche di alto livello e un SEO di primissima qualità. A proposito di SEO, tra i plugin (le app del web) di WordPress risulta estremamente importante l’AMP (Accelerated Mobile Pages) grazie a cui il caricamento delle pagine da mobile è ben più veloce rispetto agli standard.

Logo di WordPress

L’altro plugin Yoast SEO vi semplificherà invece la vita per quanto concerne la scrittura di titolo SEO (o title SEO, cioè il titolo che viene letto dai motori di ricerca), meta descrizione (o meta description) e indirizzo URL.

Quali sono i trucchi di un esperto SEO?

Un esperto SEO lavora fondamentalmente su due diverse tipologie di contratto: o su un sito creato ex novo o su un portale in cui svolgere una bonifica dei vecchi contenuti / errori. Andiamo a vedere entrambe assieme a qualche trucco del mestiere.

Sito nuovo, come fare? SEO, E-Commerce, Social Network, Newsletter e Contenuti di qualità

Per fare un sito web nuovo bisogna avere prima di tutto le idee ben chiare su quale sia il nostro obiettivo. Voglio aprire un portale per cercare di aumentare il fatturato della mia azienda? Voglio invece un sito che punti completamente sull’e-commerce? Oppure necessito di un semplice sito di rappresentanza? Una volta chiarito questo primo dubbio e avendo in mente la fetta di mercato a cui rivolgersi, il passo seguente riguarderà la scelta del dominio. Il dominio di questo sito è riccardotempo.com e dunque io ho scelto di puntare sul mio nome come “brand” personale.

SEO: una branca affascinante e fondamentale della comunicazione web odierna

Avrei potuto invece optare per domini quali espertoseo.com, consulenteseo.com ecc., scelta che in certi casi avrebbe potuto rivelarsi vincente (sempre che questi domini siano liberi), ma in questa occasione ho prediletto questa strategia. Il dominio deve essere poi accompagnato dal titolo del sito e dalla sua meta descrizione (ovvero un brevissimo riassunto pertinente i temi principali del nostro portale). Proprio sul titolo, elemento tecnico fondamentale, l’esperto SEO deve studiare nei minimi dettagli le varie keyword in modo da scegliere una strategia vincente.

Come scegliere le parole chiave (keyword)?

In altre sezioni del portale ve ne parlerò nei dettagli, ma sappiate che questa prima fase è fondamentale per avere un sito web ottimizzato sui motori di ricerca. Fase solitamente ignorata da un non esperto in materia e sottovalutata dalla maggior parte delle agenzie web (web agency), solitamente poco preparate e aggiornate sul SEO. Dopodiché, oltre alla scelta del template (grafica), bisogna scrivere i testi delle varie pagine. Anche in questo caso, Google e i vari motori di ricerca (seppur con qualche differenza tra di loro) stanno spostando il loro algoritmo verso contenuti sempre più di qualità. Ovvero contenuti originali (il copia e incolla è penalizzato pesantemente) e completi di informazioni, oltre a vari accorgimenti tecnici di competenza di un esperto SEO.

Come posizionare il nostro sito sulle keyword utili a farci conoscere al pubblico? Questo è uno dei segreti dei migliori esperti SEO

In questo periodo storico di comunicazione web continuano ad avere una certa importanza anche le campagne Ads (ossia il servizio di annunci a pagamento di Google), i social network e l’utilizzo intelligente di una newsletter via mail. Per quanto infine concerne l’e-commerce, vi consiglio di rivolgervi a seri professionisti del settore pure in questo caso in modo da ottimizzare le potenzialità di vendita del vostro sito.

Come si fa invece la bonifica di un sito?

La bonifica di un sito non è altro che la correzione degli errori fatti in precedenza in modo da riposizionare quel sito ai vertici dei ranking sulle diverse keywords su cui si abbia scelto di puntare.

Per effettuare una buona bonifica si deve:

  • Correggere gli errori presenti con grande attenzione e nelle giuste tempistiche
  • A una strategia di correzione dei contenuti errati, attuarne una riguardante la stesura di nuovi contenuti

SEO Tools (gli strumenti SEO)

Il più valido strumento di analisi del proprio sito, utile da studiare quotidianamente, è certamente Google Analytics. Per sapere invece qualcosa in più sui rivali esistono diversi strumenti per un esperto SEO, così come per avere una buona panoramica di dati sulle keyword da noi usate e che vorremmo utilizzare.

I SEO Tools sono strumenti di supporto estremamente importanti per ogni consulente SEO

Ma, così come per ogni altra cosa, questi strumenti devono fungere solo da supporto senza invece sostituire le nostre competenze tecniche e le nostre qualità intellettive.

Social network: Facebook è utile?

In molti sono andati in panico quando Mark Zuckerberg, CEO di Fb, ha comunicato il cambio di algoritmo da parte del social network più famoso al mondo. Ma, in verità, gli esperti in materia avevano previsto da parecchio tempo certi cambiamenti. Oggi Facebook, nonostante ciò, può ancora avere una sua utilità. Scovare gruppi già esistenti in cui postare i nostri contenuti (a volte anche solo una foto e non per forza sempre link a una pagina) oppure crearne uno nuovo può essere una parte importante della strategia. Così come – dipende fondamentalmente dal budget a disposizione – creare una campagna a pagamento quella volta ogni tanto.

Facebook, il social network fondato nel 2004 da Mark Zuckerberg, Eduardo Saverin, Andrew McCollum, Dustin Moskovitz e Chris Hughes

Attualmente Facebook, anche nel suo lato gratis, è certamente più performante per le grandi realtà. In caso contrario, si può ottenere qualche discreto risultato solo dedicandoci diverso tempo e avendo maturato una grande esperienza nel settore.

Social Network: Instagram è utile?

Anche Instagram ha vissuto una incredibile fase di boom in tempi recenti, ma come è naturale per qualsiasi cosa (soprattutto se legata al supersonico web), non durerà in eterno. Gli esperti prevedono comunque che Instagram possa regalare una buona visibilità ancora per qualche anno, per cui sono il primo a consigliare di investire in questo social.

Instagram, lanciato nel 2010, è oggi di proprietà della Facebook Inc.

Un investimento da fare però con criterio e affidandosi a seri professionisti in grado di garantirvi visualizzazioni di qualità e non di sola quantità.

E LinkedIn?

LinkedIn ha aiutato numerose persone a trovare lavoro ed è un servizio sicuramente utile sia per aziende che siano alla ricerca di collaboratori sia per singole persone che siano in cerca di una collaborazione o addirittura di un posto fisso. Così come per tutti gli altri social, dovete curare dettagliatamente il vostro profilo e aggiornarlo quotidianamente.

LinkedIn è un servizio web di rete sociale creato nel 2002 da Konstantin Guericke, Jean – Luc Vaillant, Reid Hoffman, Allen Blue ed Eric Ly

E YouTube?

Anche YouTube continua a offrire valide possibilità per mettersi in mostra e può essere un ottimo supporto soprattutto per alcune realtà. Non basta però avere esclusivamente realizzato un buon video, ma bisogna trovare un titolo adeguato e predisporre altri importanti accorgimenti.

YouTube è un servizio di Google ideato nel 2005 da Jawed Karim, Steve Chen e Chad Hurley

Recensioni sul web: quanto è importante Google My Business?

Google My Business è uno strumento fondamentale per la crescita della propria azienda con infiniti casi di successo. Le recensioni dei primi tre risultati appaiono infatti sopra alle ricerche di Google e quindi risulta decisivo conoscerne nei minimi dettagli trucchi e segreti.

Google My Business è un servizio multipiattaforma di promozione di attività commerciali offerto da Google Inc.

Per hotel, ristoranti, bar, pub e pasticcerie è ormai ben più importante avere applicato una strategia di successo su Google My Business che su TripAdvisor, The Fork e portali simili, il cui potenziale resta comunque sempre valido.

Campagne Google Ads: come e quando farle?

Prima di mettere in atto una campagna a pagamento sarebbe meglio puntare su una parte SEO di altissimo livello, in modo da essere posizionati gratuitamente sulle keyword più importanti “in eterno” (naturalmente i siti e le varie pagine indicizzate vanno nel tempo aggiornati, altrimenti Google ci fa scendere di posizione nel ranking). A questo punto può essere utile mettere in piedi qualche campagna, avendo obiettivi chiari e sapendo bene quale sia il target di pubblico a cui vorremmo rivolgerci. Un professionista del settore deve comunque essere esperto anche in altri rami, a partire dal linguaggio SEO e da altre forme avanzate di comunicazione.

Google Ads, fino a poco tempo fa conosciuto come Google AdWords

E, ovviamente, conoscere dettagliatamente la realtà a cui offrirà il proprio servizio, andando in prima persona sul luogo e rimanendo sempre in contatto con i committenti.

Link Building: utilità e pericoli dei backlink

Link Building è la strategia attraverso cui incrementare il numero di link in ingresso verso un sito. Fatta con serietà e meticolosità può portare ottimi frutti, ma solo se affiancata da uno sviluppo SEO di primissimo livello. Google premia quei siti che ricevono un link da una realtà autorevole, ma ricordatevi sempre che un link potrebbe essere anche cancellato e quindi è fondamentale rivolgersi a professionisti che sappiano portare il vostro sito nelle prime posizioni del ranking grazie alle tecniche SEO riguardanti testi delle pagine, URL, titoli SEO, immagini e via dicendo. In questo ramo esistono però diversi pericoli, davanti a cui mi sono ritrovato in alcune occasioni. Affidandovi infatti a una agenzia di comunicazione di basso livello, questa baserà la propria strategia unicamente sul fatto di farvi avere centinaia di link esterni da altri portali web (mediamente di loro proprietà e privi di qualsiasi autorevolezza) senza però attuare un minimo di strategia SEO.

Link building, una attività dietro cui sono nascoste molte insidie

I backlink servono dunque a fare crescere il valore del vostro sito, ma se non siete posizionati su alcuna keyword di vostra competenza, non serviranno proprio a nulla. Anzi, nel momento in cui doveste concludere il vostro rapporto con quell’agenzia, questa potrebbe cancellare tutti i vostri backlink costruiti artificiosamente e farvi quindi subire una pesantissima penalizzazione da Google. Ultimamente ho dovuto fronteggiare casi di questo tipo e, seppur con fatica, ne sono uscito sempre vincente. Vincente, ma con l’amarezza che quel sito – a causa del pessimo lavoro svolto in precedenza – impiegherà molto più tempo del dovuto a sfruttare il proprio reale potenziale.

Prezzi: quanto costa il lavoro di un consulente SEO freelance?

Le tariffe dipendono dalla tipologia di servizio da svolgere sia per quanto riguarda una consulenza SEO sia per tutto il resto. Per chi desideri ottenere il massimo dei risultati in caso di sito da bonificare, risulta fondamentale attuare – come già detto prima – una strategia di correzione dei vecchi errori al fianco di una riguardante la scrittura di nuove pagine / nuovi articoli (e, anche in questo caso, è sempre meglio rivolgersi a un esperto SEO che a semplici copywriter). In definitiva, dipende dalla grandezza del sito web e dagli obiettivi dell’azienda o della singola persona. E, anche in caso di sito nuovo dipenderà dalla strategia di mercato da attuare e dagli obiettivi futuri.

Riccardo Tempo

Vuoi scoprire i trucchi SEO per ottimizzare il tuo portale sui motori di ricerca? Allora contattaci e fai crescere il tuo sito!

Inviaci un messaggio


Copyright Riccardo Tempo 2019 – Tutti i diritti riservati