Guida SEO 2021

SEO 2021: LA GUIDA COMPLETA

Questa è la guida definitiva all’ottimizzazione dei motori di ricerca nel 2021. E lasciatemi essere chiaro su una cosa: questo NON è il post medio di previsioni “SEO nel 2021”. Sì, tratterò le tendenze SEO più importanti quest’anno, ma vedrai anche nuove strategie che stanno funzionando alla grande in questo momento. Quindi, se stessi cercando di migliorare la tua SEO per il prossimo anno, adorerai questa guida aggiornata.

SEO 2021: CONTENUTI

  1. Core Web Vitals
  2. Google Passage Ranking
  3. Ottimizzazione per i Featured Snippets
  4. L’ascesa di Visual Search
  5. Autorità di dominio 2.0
  6. La continua crescita dei video
  7. Intento di ricerca principale
  8. Combattere la perdita di CTR
  9. Veloci consigli SEO per il 2021

CORE WEB VITALS (CAP. 1)

Secondo Google, i Core Web Vitals diventeranno un fattore di ranking nel maggio 2021. E in questo capitolo ti mostrerò esattamente come preparare il tuo sito per questo imminente aggiornamento di Google (incluso un esempio reale di come abbia migliorato notevolmente i punteggi fondamentali del web di Backlinko.) Entriamo ora nel vivo!

Core Web Vitals: ciò che dovresti sapere

I Core Web Vitals sono un insieme di tre metriche specifiche sull’esperienza della pagina web che Google considera estremamente importanti:

  • Largest Contentful Paint (LCP)
  • First Input Delay
  • Cumulative Layout Shift (CLS)

Secondo Google, i Core Web Vitals avranno un impatto diretto sulle classifiche.

Detto ciò, sottolinea anche che i Core Web Vitals non sono un fattore di ranking decisivo. In altre parole, puoi comunque classificarti con punteggi di base scadenti.

Detto ciò, non c’è davvero alcun motivo per NON ottimizzare i Core Web Vitals del tuo sito. Quindi ha senso dedicare un po’ di tempo a lavorarci sopra. Ecco come.

Come migliorare i punteggi dei tuoi Core Web Vitals

Per essere chiari: i passaggi esatti che intraprendi per migliorare i tuoi Core Web Vitals dipendono dal tuo sito. Ad esempio, un sito che gira su Shopify sarà diverso rispetto a quello che gira su WordPress.

Detto ciò, ecco il processo che puoi utilizzare per capire che cosa devi correggere. Innanzitutto, apri Google Search Console e fai clic su “Core Web Vitals”.

Poi, dai un’occhiata al report

Fondamentalmente ignoro i punteggi desktop. L’indice mobile-first di Google significa che i punteggi mobili sono ciò che conta davvero. In ogni caso, concentrati sugli “URL poveri”.

A mio parere, Google punirà gli URL poveri più che farti migliorare di posizione sugli URL buoni. Quindi devi dare la priorità a eliminare i tuoi URL dal rosso. Ancora una volta, il modo in cui affronti questo problema dipende molto dal core web vital con cui stai lottando. Ad esempio, un gruppo delle mie pagine aveva un punteggio CLS scarso.

Quindi abbiamo lavorato per migliorare la stabilità delle pagine durante il caricamento.

Come abbiamo migliorato i Core Web Vitals su Backlinko

Quando Google ha annunciato l’aggiornamento sulla User Experience, mi sono reso conto che dovevamo apportare una modifica. Vedi, i tempi di caricamento di Backlinko erano lenti. Molto lenti.

Non per mancanza di tentativi: abbiamo utilizzato un tema WordPress leggero, compresso le nostre immagini e altro ancora. Ma il fatto era: le pagine di Backlinko erano ENORMI. Alcuni dei nostri post contenevano più di 40 screenshot ad alta risoluzione. Inoltre immagini, video incorporati e immagini animate.

Ciò non sembrava però affatto danneggiare la nostra classifica. Il che ha senso considerando che la nostra analisi dei fattori di ranking dei motori di ricerca non abbia trovato alcuna correlazione tra la velocità della pagina e le classifiche.

Ma questo aggiornamento era diverso. Google non stava solo osservando la velocità di caricamento della pagina. Stava cercando di misurare direttamente l’esperienza dell’utente. In altre parole: questa volta non stava scherzando.

Quindi mi sono messo subito a lavorare. Nello specifico, ho assunto un’agenzia per revisionare il codice di Backlinko. Ora funziona su Next.js. Non era né economico né facile. Ma alla fine, questa innovazione ha notevolmente migliorato i nostri punteggi di Core Web Vitals.

E i nostri tempi di caricamento complessivi.

Fortunatamente, probabilmente non devi rivedere completamente il codice del tuo sito. Backlinko si trovava in una situazione unica. Ecco perché abbiamo dovuto prendere misure drastiche. Ma 9 volte su 10, puoi migliorare i tuoi punteggi Core Web Vitals utilizzando i suggerimenti che ho descritto sopra. E con ciò, è tempo per il capitolo 2.

Vai qui per il post specifico sui CORE WEB VITALS.

GOOGLE PASSAGE RANKING (CAP. 2)

A ottobre Google ha annunciato una nuova tecnologia di ricerca chiamata “Passages“. Questa funzione consente a Google di classificare sezioni specifiche di una pagina (“un passaggio”) in modo indipendente. Questa funzione interesserà il 7% di tutte le ricerche, un numero enorme. Per compiere un paragone, Google Penguin ha avuto un impatto solo sul 3,1% di tutte le query. Vediamo ora come realizzare l’ottimizzazione per questo nuovo fattore di ranking di Google.

Come funziona Google Passage Ranking

Passages consente a Google di classificare passaggi specifici e pertinenti da una pagina specifica. Non solo la pagina stessa. Un po’ come una versione truccata di Featured Snippets. Ecco un esempio dall’annuncio della funzione di Google:

Quindi invece di tener conto della pertinenza di un’intera pagina, ora Google misurerà anche la pertinenza di una sezione specifica di quella pagina.

Detto ciò, Google ha chiarito che valuterà comunque intere pagine.

Pertanto, i backlink, la SEO on-page, i segnali UX e gli altri fattori di ranking a livello di pagina di Google continueranno a essere applicati. L’unica differenza è che una singola pagina ora ha più possibilità di classificarsi (supponendo che la pagina sia ottimizzata e organizzata). Che è esattamente ciò di cui parlerò adesso.

Organizza i tuoi contenuti in sezioni discrete

Sì, Google classificherà i passaggi della tua pagina in modo semi-indipendente. Ma ciò non significa che possa facilmente suddividere una pagina disorganizzata. Perché? Google può ora considerare ogni sezione come una mini pagina web.

Ciò significa che i tuoi contenuti devono essere suddivisi in sezioni dedicate. E ogni sezione dovrebbe coprire un argomento secondario specifico. Potresti averlo già fatto. In caso contrario, ti consiglio di tornare indietro e di organizzare i tuoi contenuti in sezioni MOLTO chiare. Guarda per esempio la mia pagina intitolata: “Qual è la differenza tra SEO e SEM?“.

Questa pagina è organizzata in ventuno differenti sezioni.

Ogni sezione ha un sottotitolo H3. In questo modo, Google può trattare il contenuto sotto ogni H3 come una minipagina web. E classificarlo di conseguenza.

Raddoppia il contenuto nel long format

Lo svantaggio di una pagina dal contenuto lungo può essere che a volte potresti essere battuto da una pagina più mirata. Ad esempio, supponiamo che tu abbia una sezione sulla tua pagina sulla scrittura di introduzioni di post nel blog.

E qualcun altro aveva un’intera pagina dedicata alla scrittura di introduzioni post. Bene, in alcuni casi Google classifica l’intera pagina sulle introduzioni dei post prima di te. Questo perché la pagina del tuo concorrente era al 100% su quell’argomento. E per Google, quella pagina potrebbe essere una UX migliore per qualcuno che cerchi di scrivere presentazioni migliori.

Ma ciò sta per cambiare. Oggi, Google può analizzare un singolo pezzo di contenuto di lunga durata in 5, 10 o anche 100 passaggi unici. E ognuno ha una buona panoramica del posizionamento su Google. Quindi sì, i contenuti di lunga durata avevano già un vantaggio in classifica nelle SERP.

E per generare backlink e condivisioni sui social.

Ora che Google può suddividere una singola pagina in passaggi distinti, puoi aspettarti che i contenuti di lunga durata funzionino ancora meglio per la SEO nel 2021.

OTTIMIZZARE I FEATURED SNIPPETS (CAP. 3)

Secondo SEMrush, il 6,83% di tutti i risultati di ricerca ha un Featured Snippet. E sì: i Featured Snippet stanno rubando MOLTI clic a chi sia al primo posto. (Come mi piace dire: “#0 è il nuovo #1”). La domanda è: come fai a far apparire i tuoi contenuti nel Featured Snippet? Bene, questo è l’argomento di questo capitolo.

Di recente ho deciso di rendere prioritario il posizionamento per i Featured Snippet. E ciò ci ha aiutato a passare da una manciata “risultati 0” degli snippet in primo piano a oltre 390.

Ecco qui il procedimento da me utilizzato passo dopo passo.

Trova opportunità per i tuoi Featured Snippets

Trova opportunità di Featured Snippet! Come la maggior parte delle questioni SEO, il primo passo è la ricerca di parole chiave. Parole chiave per le quali sei già classificato. E… parole chiave con un Featured Snippet. Perché è importante concentrarsi sulle parole chiave per le quali sei già classificato? Il 99,58% di tutti i Featured Snippet proviene da pagine che si posizionano nella prima pagina per quel termine.

Quindi, se non fossi già tra i primi 10, non avresti possibilità di classificarti nello spot del tuo Featured Snippet. Come trovi le opportunità di Featured Snippet? Per esempio, il rapporto “Parole chiave organiche” di Ahrefs ti mostra le parole chiave per cui sei classificato, che hanno anche un Featured Snippet:

4.512 keyword? Sembra che io abbia del lavoro da fare 🙂

Aggiungi “Snippet Bait” alla tua pagina

“Snippet Bait” è un blocco di 40-60 parole di contenuto specificamente progettato per essere classificato nella posizione del Featured Snippet. Perché 40-60 parole? Bene, SEMrush ha analizzato quasi 7 milioni di Featured Snippet e ha scoperto che sono lunghi 40-60 parole.

Ad esempio ho scritto brevi definizioni di Snippet Bait per ogni pagina della sezione “The Content Marketing Hub”.

E questi hanno aiutato il mio contenuto a posizionarsi nello spot del Featured Snippet per molte parole chiave di definizione.

HubSpot ha portato gli Snippet Bait addirittura a un altro livello, aggiungendo piccole scatole ai vari post, che in realtà assomigliano a Featured Snippet:

Formatta i tuoi contenuti per altri tipi di Featured Snippet

Snippet Bait funziona meglio per i cosiddetti “frammenti di paragrafo“, come questo:

Anche se gli snippet di paragrafo costituiscono l’81,9% di tutti i Featured Snippet…

… non sono gli unici. Se volessi classificare per List Snippet… usa i sottotitoli H2 o H3 per ogni elemento del tuo elenco.

Puoi controllare manualmente il tuo HTML per vedere se sia impostato correttamente. Google estrarrà questi sottotitoli dai tuoi contenuti e li includerà nello snippet:

Se desiderassi classificarti nella tabella degli Snippet, devi creare una tabella da cui Google possa estrarre facilmente i dati. Ad esempio questo contenuto…

… viene estratto direttamente da una tabella ben formattata.

E ora passiamo al prossimo argomento!

L’ASCESA DI VISUAL SEARCH (CAP. 4)

Visual Search è un punto di svolta SEO? Non ancora. Ma in base a come stanno andando le cose, la ricerca visiva è pronta a decollare nel 2021. Ecco che cosa devi sapere.

Visual Search sta decollando

Più persone stanno conducendo più ricerche visive che mai. Dai un’occhiata a queste statistiche: Google Lens è già stato utilizzato 1 miliardo di volte. Pinterest ottiene 600 milioni di ricerche visive al mese. Il 36% dei consumatori americani ha già utilizzato la ricerca visiva.

La tecnologia Visual Search è incredibilmente buona

La ricerca visiva è ancora agli inizi. E funziona già DAVVERO bene. Non mi credi? Apri Google Lens sul tuo dispositivo mobile e avvia la scansione di oggetti nella tua stanza. Probabilmente scoprirai che può identificare praticamente qualsiasi cosa. Oggi, Google Lens può identificare 1 miliardo di oggetti. E quel numero cresce ogni giorno. Diamine, ho provato la ricerca visiva di Bing sul mio telefono. E funziona benissimo.

Le persone VOGLIONO cercare con le immagini

Una volta che inizi a usarla, noterai subito che la ricerca visiva è estremamente utile per:

  • Shopping
  • Indicazioni
  • Identificazione dei punti di riferimento
  • Recensioni di attività commerciali locali
  • Traduzione
  • Ricette
  • Informazioni nutrizionali
  • Molto di più

Questo è probabilmente il motivo per cui il 62% dei giovani consumatori desidera più tecnologia di ricerca visiva:

Come ottimizzare per la ricerca visiva

All’inizio di quest’anno abbiamo condotto uno dei primi studi sui fattori di ranking della ricerca visiva. Ecco alcuni dei punti salienti di quella ricerca.

  • Le pagine ottimizzate per i dispositivi mobili hanno un vantaggio enorme: 9 risultati di Google Lens su 10 provengono da un sito che ha superato il test di ottimizzazione per dispositivi mobili di Google. Considerando che fondamentalmente il 100% delle ricerche di Google Lens viene effettuato su dispositivi mobili, è logico che Google preferisca siti Web ottimizzati per i dispositivi mobili.
  • Si applica ancora la SEO tradizionale per immagini. La nostra ricerca ha scoperto che le tradizionali tecniche di SEO delle immagini (come l’ottimizzazione dei nomi dei file delle immagini e del testo alternativo) sembrano aiutare anche con le classifiche di Google Lens. E che le pagine e i siti ad alta autorità hanno maggiori probabilità di apparire come risultati di Google Lens.
  • I risultati di Google Lens tendono a provenire da pagine ricche di contenuti. Abbiamo scoperto che Google tende a estrarre i risultati delle immagini di Google Lens da pagine con un bel po’ di testo (1600 parole in media). All’inizio ciò potrebbe sembrare sorprendente. Ma quando ti rendi conto che Google afferma specificamente che il contenuto di testo di una pagina è importante per la SEO delle immagini, questa scoperta ha molto senso.

AUTORITA’ DI DOMINIO 2.0

L’autorità di dominio era tutta una questione di link. Non più. Oggi, Google valuta anche il tuo sito in base a competenza, autorevolezza e affidabilità. Conosciuto anche come E-A-T (Expertise – Authoritativeness – Trustworthiness). In molti modi, E-A-T è l’autorità di dominio 2.0. E in questo capitolo tratterò tutto ciò che devi sapere su questa importante tendenza SEO.

Il set più recente di linee guida per i valutatori di qualità di Google si concentrava PROPRIO su E-A-T.

Per essere chiari: E-A-T fa parte delle linee guida da anni. Ma E-A-T è ora un fattore di ranking più importante di prima. Ad esempio, il nuovo rapporto “Come funziona la ricerca” di Google afferma di voler classificare “fonti affidabili”.

Citano persino E-A-T come segnale chiave di ranking:

Detto ciò, ecco come aumentare l’E-A-T del tuo sito.

Sii un esperto (o assumine uno)

Se dovessi assumere freelance casuali per scrivere i tuoi contenuti, sei nei guai. Ciò perché Google vuole presentare contenuti scritti da esperti legittimi nel loro campo.

Arriva persino a dire che il contenuto medico deve essere scritto da professionisti sanitari.

Questa è una cosa difficile da fingere. Quindi, se vuoi che i tuoi contenuti vengano classificati nel 2021, devono essere scritti da persone che conoscano le loro cose (soprattutto nella nicchia della salute).

Sii trasparente

Probabilmente Google si concentra su segnali esterni al sito per capire l’E-A-T del tuo sito. Detto ciò, le linee guida del valutatore dedicano molto tempo alla valutazione del sito stesso. Ad esempio, le linee guida sottolineano che:

Ciò significa avere:

  • Pagina approfondita
  • Pagina di contatto facile da trovare
  • Riferimenti e link esterni a fonti
  • Informativa sulla privacy e termini di servizio
  • Sottotitoli dell’autore su ogni articolo

Fatti citare

La maggior parte della valutazione di E-A-T di Google avviene al di fuori del tuo sito web. Il che ha senso. Qualsiasi persona a caso può affermare di essere un esperto. Ma convincere altri siti Web a essere d’accordo con te? Questa è una storia completamente diversa. In effetti, le linee guida di Google affermano che:

Quindi: oltre a creare un sito fantastico, come fai a convincere altre persone a menzionare te e il tuo sito come risorsa di riferimento? Innanzitutto, devi essere citato su molti altri siti Web affidabili. Questi non devono nemmeno essere citazioni collegate.

Qualcosa di simile può aiutare Google a vederti come un esperto su un determinato argomento:

In secondo luogo, il tuo sito nel suo insieme deve essere associato a un argomento specifico. Ancora una volta, questo si riduce a menzioni fuori sede. Nello specifico, menzioni da altre autorità nel tuo campo. Ad esempio, essere elencato come il blog SEO n. 1 da Ahrefs probabilmente ha aumentato la reputazione di Backlinko agli occhi di Google.

I VIDEO CONTINUANO A CRESCERE (CAP. 6)

Il video online è in ESPLOSIONE in questo momento. Infatti, secondo Cisco, i video online rappresenteranno l’82% di tutto il traffico online entro il 2022. 82%! E questo potrebbe ancora non soddisfare la domanda mondiale di video. Nonostante il fatto che ci siano più video là fuori che mai, HubSpot afferma che il 43% delle persone desidera ancora PIÙ contenuti video.

In breve: se il video non facesse parte dei tuoi piani di marketing digitale, ti stai perdendo. Ecco come puoi utilizzare i video per migliorare la tua SEO quest’anno.

Video Featured Snnippets

Probabilmente avrai notato più frammenti di video in primo piano nei risultati di ricerca.

In effetti, Google ha evidenziato gli snippet in primo piano dei video nel rapporto “Reintroduzione nei Featured Snippet”. E io mi aspetto di vedere più frammenti di video in primo piano nel 2021. Da ciò che ho visto, ecco le 3 cose più importanti da fare per inserire i tuoi contenuti video in uno snippet in primo piano.

  • Organizza i tuoi contenuti in sezioni specifiche. Ciò è molto importante: le sezioni chiare aiutano infatti Google a comprendere il contenuto del tuo video. Il che rende facile per Google utilizzare clip diversi dal tuo video in uno snippet.
  • Ottimizza i tuoi video per la SEO. Google utilizza il titolo, la descrizione e i tag per capire di che cosa tratti il tuo video. Quindi, oltre a pubblicare video con sezioni chiare, assicurati anche che il tuo video sia ottimizzato SEO. In effetti, un piccolo studio di HubSpot su 165 frammenti di video in primo piano ha rilevato che l’80% di essi conteneva una parola chiave nel titolo.
  • Fornisci una trascrizione. I sottotitoli che YouTube genera automaticamente sono DAVVERO buoni. Ma non sono comunque il top. Quindi, per aumentare le probabilità che YouTube e Google possano capire ogni parola del tuo video, carica una trascrizione.

Fai crescere il tuo canale YouTube

YouTube è già il secondo motore di ricerca più grande del mondo. In effetti, secondo uno studio di JumpShot e del fondatore di Moz, Rand Fishkin, il motore di ricerca di YouTube è due volte più popolare di Bing.

Sorprendentemente, YouTube sta ancora crescendo. In breve, sempre più persone cercano cose su YouTube. Quindi, se desiderassi ottenere più traffico dalla SEO nel 2021, ti consiglio di creare e ottimizzare contenuti specifici per YouTube. È un motore di ricerca troppo grande per essere ignorato.

La parte migliore? La maggior parte dei professionisti del marketing è troppo pigra per realizzare video. Quindi è abbastanza facile far vedere i tuoi video (supponendo che tu sappia come creare video di alta qualità). Ad esempio, il mio canale ha un totale di 39 video. E quei 39 video generano oltre 228.000 visualizzazioni al mese.

E come ci si potrebbe aspettare, una buona parte di questi spettatori si trasforma in visitatori del sito Web e clienti. C’è di meglio: quando pubblichi video di YouTube ottimizzati per la SEO, possiedi più potenzialità anche su Google.

Perché? Bene, per cominciare: il 55% di tutti i risultati di ricerca di Google contiene almeno un video. E quasi tutti quei video provengono da YouTube. Ecco un esempio di cosa intendo:

E considerando che Google possiede YouTube, aspettati ancora PIÙ video di YouTube nei risultati di ricerca nel 2021.

Incorpora contenuti video in post di blog basati su testo

Se le persone vogliono vedere più contenuti video, perché non darglieli? Ecco perché consiglio di incorporare contenuti video nei post del tuo blog. E dai miei dati di Google Analytics, ho visto che ciò può migliorare significativamente la tua frequenza di rimbalzo. Ecco un esempio pratico:

INTENTO DI RICERCA PRINCIPALE (CAP. 7)

L’intento di ricerca è stato un argomento importante nel mondo SEO negli ultimi anni. E per una buona ragione: i contenuti che non corrispondono all’intento di ricerca semplicemente non verranno classificati. E poiché Google migliora nel fornire alle persone i risultati di ricerca esatti che desiderano, la creazione di contenuti che corrispondano all’intento di ricerca 1:1 sarà un must per la SEO 2021.

Identifica l’intento di ciascuna parola chiave

Ogni parola chiave ha un intento dietro di essa. Forse è per cercare qualcosa. O comprare qualcosa. Oppure confrontare il prodotto A con il prodotto B. E migliore è il tuo contenuto che può corrispondere all’intento di ricerca, migliore sarà il ranking. Quindi il primo passo è capire l’intento di ricerca della parola chiave target. A volte l’intento è proprio nella parola chiave.

Ma di solito non è così ovvio. Pertanto, per la maggior parte delle parole chiave, i risultati di ricerca ti diranno tutto ciò che devi sapere sull’intento di ricerca di quella parola chiave. Ad esempio, prendi una parola chiave come: “proteine in polvere”. Qualcuno che cerca quel termine potrebbe voler acquistare delle proteine. O forse vuole saperne di più. Ebbene, secondo la prima pagina di Google per quella parola chiave, la maggior parte delle persone che cercano “proteine in polvere” sono alla ricerca di informazioni.

Crea contenuti che corrispondano all’intento di ricerca 1:1

Ora che hai identificato l’intento di ricerca, è il momento di pubblicare qualcosa che offra agli utenti ESATTAMENTE ciò che stanno cercando. Ad esempio, quando ho analizzato le pagine dei risultati dei motori di ricerca (“le SERP”) per “come ottenere abbonati YouTube”, ho notato che erano per lo più post di elenchi.

Quindi, anche se si trattava di una parola chiave “come fare per”, non ho pubblicato un tutorial passo passo. Invece, ho pubblicato un post sulla lista.

E poiché il mio contenuto è ciò che vogliono gli utenti, quella pagina si colloca tra i primi 3 per quella parola chiave.

Ottimizza nuovamente i vecchi contenuti per l’intento di ricerca

L’ottimizzazione dell’intento di ricerca non riguarda solo i nuovi contenuti. Puoi infatti modificare le tue cose più vecchie per adattarle meglio all’intento di ricerca. Per aumentare la tua SEO on-page. O semplicemente per migliorare l’esperienza utente (user experience) complessiva della pagina. Ad esempio, questo post si posizionava molto bene per “campagna SEO”.

Ma quando Google è migliorato nel capire che cosa volessero effettivamente le persone che cercavano quella parola chiave, il mio post ha iniziato a scendere nelle classifiche. Il che aveva senso: qualcuno che cerca “campagna SEO” non vuole un case study, ma un elenco di passaggi. Così ho trasformato quel post in una guida passo passo facile da seguire.

Oggi, quella pagina riceve il 156,46% di traffico organico in più rispetto alla vecchia versione.

COMBATTERE LA PERDITA DI CTR

Non si può negarlo: la percentuale di clic organica è diminuita. In effetti, uno studio di settore ha rilevato che il CTR organico sulla ricerca da dispositivo mobile è diminuito del 41,4% dal 2015. Non è un segreto il motivo: Google sta escludendo numerosi risultati di ricerca organici dalla SERP come risposte, annunci, caroselli, sezioni tipo “Anche le persone chiedono” e altro ancora. E per risaltare nelle SERP, il tuo risultato deve urlare “cliccami!”… altrimenti verrà ignorato.

Includi la tua parola chiave nel tuo URL

Nel 2019 abbiamo pubblicato i risultati del nostro studio sul CTR organico su larga scala.

E uno dei nostri risultati più interessanti è stato che gli URL ricchi di parole chiave ottengono il 45% di clic in più rispetto agli URL che non contengono una parola chiave che corrisponda alla ricerca della persona.

Usa l’emozione (senza esagerare)

Il nostro studio ha scoperto che i titoli emotivi avevano un CTR relativamente alto. Ma abbiamo anche scoperto che i tag title che contenevano “Power Words” riducevano i clic del 14%. Sembra che gli utenti di Google vogliano fare clic su titoli accattivanti. Ma se un titolo vira nel territorio dei clickbait, faranno clic su qualcos’altro.

Scrivi meta descrizioni per ogni pagina

In altre parole: assicurati che i meta tag di descrizione del tuo sito web siano originali al 100% e che dunque “costringano” qualcuno a fare clic sul tuo sito nei risultati di ricerca. Questo è un semplice passaggio di 2 minuti che può aumentare il CTR di circa il 6%.

VELOCI CONSIGLI SEO PER IL 2021

In questo capitolo ti mostrerò alcune tattiche di vittoria rapida che stanno funzionando alla grande in questo momento. E dovrebbero funzionare ancora meglio nel 2021.

Pubblica “Contenuti di ricerca”

Blogger e giornalisti AMANO i dati. E se riuscissi a farti notare da loro con una statistica, un sondaggio o uno studio di settore, si collegheranno a te come se non ci fosse un domani. Ad esempio, nel 2020 abbiamo pubblicato 5 contenuti di ricerca.

E quei 5 contenuti hanno portato a 22.926 backlink, 23.217 condivisioni sui social media e 262.983 mila visitatori. Incredibile! Lo svantaggio dei contenuti di ricerca è che devi svolgere molto più lavoro rispetto alla pubblicazione di un post di un elenco o un caso di studio. Ma se fatto bene, lo sforzo extra può essere totalmente ripagato.

Creare contenuti visivi (in particolare “elementi visivi concettuali”)

Proprio come i video, i contenuti visivi stanno crescendo rapidamente. In effetti, un recente sondaggio ha rilevato che l’87,5% degli operatori di marketing utilizza contenuti visivi nella maggior parte delle attività di marketing dei contenuti.

E grazie a siti di social media come Pinterest e Instagram, i contenuti visivi dovrebbero continuare a crescere nel 2021. Come puoi trarre vantaggio da questa tendenza? Crea più contenuti visivi… specialmente “Concept Visuals.

Nella mia esperienza, le “Concept Visuals” possono fare altrettanto bene che un’infografica stravagante, se non meglio. Le Concept Visual sono immagini che possono essere facilmente incorporate da altri siti nel loro contenuto. Quando lo fanno, di solito si ricollegano a te. Ad esempio, ecco una semplice immagine che ho incluso in una delle mie guide:

E poiché questa immagine spiega un concetto complicato, le persone AMANO incorporare questa immagine nel loro contenuto. In effetti, questo singolo Concept Visual ha generato più di 20 backlink al mio sito.

Ottimizza il tuo podcast: mostra le note per la SEO

Tutti hanno un podcast, ma pochissime persone classificano le loro note sui programmi su Google. Fortunatamente, l’ottimizzazione delle note del programma podcast per la SEO non è molto difficile. Ecco come farlo.

Per prima cosa, ottieni una trascrizione completa della tua intervista. Quindi, trasforma quella trascrizione in un post sul blog completo. In altre parole, non limitarti a copiare e incollare la tua trascrizione e chiamarla “un giorno”.

Invece riutilizza la trascrizione in un post e inserisci:

  • Una introduzione
  • Sottotitoli
  • Screenshot e immagini
  • Link interni ed esterni
  • Sezione commenti

Ecco un esempio di come può apparire.

Quindi, ottimizza la SEO on-page della pagina come faresti normalmente. E sei a posto.

Crea backlink come ospite del podcast

I podcast sono uno dei miei modi preferiti in assoluto per costruire link. Presentati, condividi ciò che sai e ottieni un amabile backlink:

E la popolarità del podcasting sta crescendo come una pianta di fagioli. In effetti, 100 milioni di americani ascoltano almeno un podcast al mese (che è aumentato del 10% rispetto allo scorso anno). Ciò significa che il prossimo anno ci saranno probabilmente ancora più opportunità per ottenere link dai podcast.

Pubblica Content Hub

Gli hub di contenuto sono essenzialmente un insieme di contenuti correlati che coprono un argomento specifico. Ma invece di collegare insieme post di blog casuali, li presenti come voci in un unico “hub”. E crea una home page hub per l’hub.

A oggi, abbiamo pubblicato tre hub di contenuti qui su Backlinko:

  • YouTube Marketing Hub
  • SEO Marketing Hub
  • Content Marketing Hub

E hanno fatto SUPER bene. In effetti, le sole pagine che compongono “The Content Marketing Hub” attirano 26.438 visitatori ogni mese.

Questi hub svolgono il doppio compito per la SEO del tuo sito. Innanzitutto, gli hub sono il tipo di contenuto “WOW” che consente alle persone di condividere e linkarti. Pochissime persone sono disposte a svolgere il lavoro necessario per creare un hub di contenuti. Quindi, quando lo fai, ti distinguerai immediatamente.

In secondo luogo, le tue pagine hub sono progettate strategicamente per classificarsi per molte parole chiave di definizione. Ad esempio, una delle nostre voci del “SEO Marketing Hub” è ottimizzata attorno al termine “keyword LSI”.

E quando dico “ottimizzato” non intendo solo utilizzare la mia parola chiave nel tag del titolo. Il contenuto è ottimizzato al 100% per l’intento di ricerca. Ad esempio, qualcuno che cerca “keyword LSI” probabilmente vuole conoscere le basi. Ad esempio che cosa sia e perché sia importante per la SEO. E ogni voce è strutturata per fornire alle persone un’introduzione su quell’argomento.

Ora è il tuo turno

Ecco come mi sto preparando per la SEO nel 2021. Ora voglio passare a te: quale strategia della guida di oggi proverai per prima? Pubblicherai più “Contenuti di ricerca”? Oppure lavorerai per migliorare il tuo CTR organico. Fammi sapere lasciando un breve commento qui sotto in questo momento.

(Libera traduzione dall’articolo “SEO in 2021: the definitive guide” dal sito Backlinko.com di Brian Dean)

Riccardo Tempo

Rispondi